Art. 182-bis. Accordi di ristrutturazione dei debiti

Legge Fallimentare – Regio Decreto 16 Marzo 1942, n.267 Art. 182-bis. Accordi di ristrutturazione dei debiti. “L’imprenditore in stato di crisi può domandare, depositando la documentazione di cui all’articolo 161, l’omologazione di un accordo di ristrutturazione dei debiti stipulato con i creditori rappresentanti almeno il sessanta per cento dei crediti, unitamente ad una relazione redatta…

Concordato Preventivo – Art. 178. Adesioni alla proposta di concordato

Legge Fallimentare – Regio Decreto 16 Marzo 1942, n.267 Art. 178. Adesioni alla proposta di concordato. “Nel processo verbale dell’adunanza dei creditori sono inseriti i voti favorevoli e contrari dei creditori con l’indicazione nominativa dei votanti e dell’ammontare dei rispettivi crediti. Il processo verbale è sottoscritto dal giudice delegato, dal commissario e dal cancelliere. Se…

Concordato Preventivo – Art. 177. Maggioranza per l’approvazione del concordato

Legge Fallimentare – Regio Decreto 16 Marzo 1942, n.267 Art. 177. Maggioranza per l’approvazione del concordato. “Il concordato è approvato dai creditori che rappresentano la maggioranza dei crediti ammessi al voto. Ove siano previste diverse classi di creditori, il concordato è approvato se tale maggioranza si verifica inoltre nel maggior numero di classi. I creditori…

Concordato Preventivo – Art. 176. Ammissione provvisoria dei crediti contestati

Legge Fallimentare – Regio Decreto 16 Marzo 1942, n.267 Art. 176. Ammissione provvisoria dei crediti contestati. “Il giudice delegato può ammettere provvisoriamente in tutto o in parte i crediti contestati ai soli fini del voto e del calcolo delle maggioranze, senza che ciò pregiudichi le pronunzie definitive sulla sussistenza dei crediti stessi. I creditori esclusi…

Concordato Preventivo – Art. 175. Discussione della proposta di concordato

Legge Fallimentare – Regio Decreto 16 Marzo 1942, n.267 Art. 175. Discussione della proposta di concordato. “Nell’adunanza dei creditori il commissario giudiziale illustra la sua relazione e le proposte definitive del debitore. La proposta di concordato non può più essere modificata dopo l’inizio delle operazioni di voto. (1) Ciascun creditore può esporre le ragioni per…